Grazie Azzurri!!!

Un mondiale azzurro! Grandi risultati per gli azzurri in gara! Nella 42 km della durissima Gorski Alpine Marathon, 2800 metri di dislivello, Ramboldini vince l’oro e chiude in 3h44’52” . Argento per De Gasperi, 6 volte campione del mondo, Fabio Ruga 14°, Macro Zanoni 20° e Emanuele Manzi 33°. Ottimi successi anche al femminile con Antonella Confortola che conquista l’argento mondiale in 4h29’58” a meno di un minuto dall’inglese Conway, Francesca Iachemet 4°, Debora Cardone 9° e Barbara Bani 19° posto.

Oro a squadre per l’Italia sia maschile che femminile, a conferma dell’assoluta superiorità della nostra scuola nella corsa in montagna.

Azzurri-620x349

Appunti storici di Guido Scaramellini

DSC01715

Trail val Bregaglia è un contributo sportivo volto a superare i confini di Stato e a ridare unità a una valle che la geografia ha creato unita, anche se nel 960 l’imperatore Ottone I ne assegnò i due quarti a monte al vescovo-conte di Coira e il quarto a valle al vescovo-conte di Como. Oggi è un confine di Stato tra Italia e Svizzera, ma sempre meno confine per la gente che ci vive.

Il percorso parte dalla piazza di Chiavenna che dal 1952 è intitolata al suo poeta Giovanni Bertacchi perché qui è la casa dove nacque nel 1869; passa poi in Pratogiano dov’è una nota zona di crotti, salendo verso il Deserto, nome derivato da un’osteria fuori paese dove poi sorse l’istituto don Guanella.

DSC01714

Si sale sull’ampio sentiero ottocentesco fino a Uschione, la frazione di Chiavenna appartenuta fino al 1872 a Prata, già nominata nel XIII secolo e abitata permanentemente con la sua scuola elementare fino a metà ’900. Uschione è diviso in località che portano il nome di parentele originarie del luogo. Alle spalle della chiesa dell’Ascensione è il monumento ai caduti con bronzo di Costantino Magni di Milano ed epigrafe di Bertacchi.DSC01718

Di lì, lungo il versante sinistro della valle si percorre a mezza costa la Bregaglia, passando attraverso gli alpeggi, oggi seconde case, di Pradella, che da qualche decennio ha la propria chiesetta, di Saranga, del Cantone, dei Laghetti.

 DSC01728  DSC01735 DSC01741
 DSC01761  IMG_1279

E siamo al confine di Stato, oltre il quale, dopo la salita a Ceresc, si torna sul fondovalle, passando davanti al maestoso albergo ottocentesco Bregaglia di Promontogno, protetto dalla cima del Badile.

 DSC01766  DSC01768  DSC01777


Passato Cacior, si sale a Soglio, che recentemente è stato scelto come il paese più bello della Svizzera con le sue case strette, la sua chiesa di San Lorenzo e il suo maestoso seicentesco palazzo Salis, la potente famiglia grigione che, originaria del Comasco, qui divenne importante.

 DSC01798  DSC01801  DSC01802


Si scende all’abitato di Castasegna che delimita la vecchia strada di valle, con le sue due chiese della Trinità e, poco sotto, di San Giovanni Battista.

 VIRB Picture  DSC01792  val bregaglia trail sindaci


E siamo di nuovo in Italia, incontrando la frazione di San Barnaba, con una chiesa già in piedi nel XII secolo, che all’interno custodisce un raro affresco di Ultima Cena del ’300 e, poco sopra, Canete con la sua corte dietro la chiesetta settecentesca dell’Addolorata.


Non potevano mancare i crotti di Posmotta

DSC01822

e poi, quasi a 1000 metri, Savogno con le sue tipiche case in pietra e legno, dove fu parroco un santo, Luigi Guanella.

 DSC01823  DSC01825  DSC01826

Altri crotti si incontrano alla Cànoa, prima di salire a prendere il sole a Crana

 DSC01832  DSC01833

 e di nuovo scendere ed entrare nella proprietà del cinquecentesco palazzo Vertemate Franchi, una delle ville più belle della Lombardia.DSC01834

E siamo alle cascate dell’Acquafraggia, che attirarono anche l’attenzione di Leonardo quando, nel 1490, passò di qui e lo testimoniò nei suoi appunti lasciati nel “Codice atlantico”.

Solo sul ciglio della Valledrana è il campanile cinquecentesco di Sant’Abbondio, dopo che l’ultima alluvione della valle nel 1755 portò via la chiesa, ricostruita poco meno di dieci anni dopo più a monte.

Dal Pian de la giüstizia, che ricorda il luogo del patibolo fino al ’700, si raggiunge Prosto con i suoi tipici biscottini e la pietra ollare all’ombra di uno dei più alti campanili della Valchiavenna. Poi, attraverso i crotti di Belvedere e di Poiatengo, si guadagna il centro storico di Chiavenna e la sua “Paart de mèz”, disegnata dalle case cinquecentesche ai lati, con traguardo finale al Cantón (ufficialmente piazza Pestalozzi).

Questa piazza triangolare nacque a metà ’800 in seguito alla distruzione di un isolato di case per agevolare il transito di chi transitava di lì. Infatti ancora non c’era il ponte nuovo di viale Consoli chiavennaschi, costruito negli anni ’30 del ’900, e tutti passavano dal Cantón: sia chi percorreva tutta la via principale per recarsi in Bregaglia, sia chi passava il ponte dell’Oltremera per inforcare la val San Giacomo, che oggi si preferisce chiamare valle Spluga.

This Post Has Been Viewed 15,190 Times